1000 Nudes

14,99

Uno sguardo attraverso il buco della serratura della storia
Dai primi dagherrotipi alla fotografia sperimentale di nudo

La storia della fotografia di nudo è la storia delle persone che si sono fatte affascinare da questo soggetto. Infatti, la rappresentazione fotografica del corpo umano è l’unico soggetto che ha ammaliato fotografi, teorici e pubblico per un periodo di tempo così lungo – oltre 150 anni. Nessun altro motivo è così diffuso durante tutte le fasi di sviluppo che formano la storia della fotografia, nessun altro è così presente, indipendentemente dalla tecnica, ed è oggetto di tante discussioni nel contesto di quasi tutti i movimenti estetici. Nessun altro tipo di soggetto ha prodotto una tale varietà di specialità: dall’interpretazione etnologica del corpo agli scatti di moda, fino alle pin-up di oggi. Nessun altro campo di applicazione della fotografia ha ispirato tanto desiderio, suscitando la collera ufficiale.
1000 Nudes offre una sezione trasversale della storia della fotografia di nudo, spaziando dai primissimi dagherrotipi e dalle prime fotografie etnografiche di nudi fino alla fotografia sperimentale. L’opera copre un periodo di tempo che spazia dal 1839 fino a circa il 1939, dagli albori di questo mezzo alla fine del classico periodo modernista. Quanto ai contenuti, il libro offre un tributo all’intera gamma di approcci rappresentativi, dai primi nudi artistici elaborati a mano tra Otto e Novecento, sommersi da strati di teoria, fino ai motivi “osceni” delle cartoline che non avevano la benché minima aspirazione artistica e miravano solo a esercitare il massimo impatto sul portafoglio del cliente.
Tutte le immagini sono tratte dalla collezione di Uwe Scheid, che era uno dei più importanti collezionisti al mondo di fotografia erotica.

COD: Hans-Michael Koetzle, Uwe Scheid, Taschen, 2014, 576 p., cm. 14x19,5, rilegato, Ediz. Italiana, Espanol e Portugues. Categoria: .
Condividi