In offerta!

Rubens e il suo secolo

49,00 24,50

Catalogo mostra al Palazzo dei Diamanti, Ferrara 28 marzo – 27 giugno 1999.

Rubens e il suo secolo propone per la prima volta al pubblico italiano attraverso un’ottantina di dipinti, diversi dei quali capolavori riconosciuti, un profilo rappresentativo della pittura del Seicento fiammingo dominata dal formidabile genio di Rubens, condizionata dall’eccezionale talento dei suoi più celebri allievi, Anton van Dijck e Jacob Jordaens, ma che vide protagonisti anche una fitta schiera di artisti, ben noti agli studiosi e agli appassionati ma poco conosciuti ai più, che sono stati artefici di primo piano di una stagione che aprì nuovi orizzonti all’arte europea.
Sulla scia di quei grandi, infatti, Franciscus Gysbrechts, Cornelis de Heem, Jan Fijt, Gerard Seghers, Jan Bruegel dei Velluti, Joos de Momper, Marten Rijckaert, David Teniers il Giovane, Adrian Brouwer, Michiel Sweerts e altri, coniugando gli insegnamenti che gli venivano dalla grande arte italiana e tedesca del XV del XVI e degli inizi del XVII secolo con l’altrettanto importante tradizione pittorica fiamminga che va da Jan van Eyck e Rogier van der Weyden a Hugo van der Goes e Pieter Bruegel il Vecchio, hanno saputo imporre novità stilistiche e iconografiche che hanno toccato ogni genere: dalla pittura di soggetto religioso alla natura morta, dal paesaggio alla ritrattistica, dalle scene di genere alla pittura di soggetto mitologico e di storia.

COD: Matias Diaz Padron, Aida Padron Merida, Ferrara Arte, 1999, 203 p., cm. 23,5x31,5, brossura. Categorie: , .