In offerta!

Pittura murale egizia

144,00 72,00

L’antica civiltà egizia ha sviluppato un suo particolare modo di esprimere il mondo visibile e quello invisibile – dominio degli dei – con linguaggi affatto particolari. Di questi linguaggi facevano parte la scrittura e le sue molteplici forme; i suoi estremi sviluppi comprendono la raffigurazione piana, con pittura e rilievo dipinto, e quella a tutto tondo, entrambe forme di un linguaggio che va letto, compreso, decifrato, per afferrarne i messaggi diretti e quelli profondi. In tale veste, la raffigurazione piana dell’antico Egitto si inserisce in un complesso codice volto al mantenimento della Maat – l’Ordine Cosmico, la Verità-Giustizia, l’Armonia Universale – i cui frammenti sono inseriti nelle relazioni fra le varie parti del credo e della vita egizie, sempre intimamente collegate.
Il volume sulla raffigurazione piana dell’antico Egitto si trova in equilibrio fra i mondi: la razionalità analitica occidentale esamina metodi e tecniche, mentre un tuffo nel pensiero egizio lascia intravedere la ricchezza spirituale che i messaggi pittorici ci hanno lasciato. Nel volume si affrontano dunque diverse tematiche: quelle interessate a soddisfare il bisogno di razionalità occidentale, analizzando le caratteristiche del disegno e della pittura (da quelle tecnologiche a quelle tecniche), la storia dell’attività figurativa egiziana, gli aspetti della vita di artigiani e artisti. Il tutto illustrato analiticamente con testimonianze monumentali, ordinate nel tempo e nello spazio e correlate fra loro.

COD: Francesco Tiradritti, Arsenale Editrice, 2008, 392 p., cm. 27,5x33, rilegato con cofanetto. Categorie: , .
Condividi