Paolo Veronese. Tra riforma e controriforma

20,00

Nel ripercorrere la vicenda umana e artistica del Veronese, il libro ricostruisce il suo percorso culturale concentrandosi sulla complessità delle controversie religiose che videro l’artista interessato, almeno in una fase, a posizioni eterodosse. Si parte quindi dall’interesse verso i primi temi sacri, come “La resurrezione della figlia di Giairo” per la cappella Avanzi in San Bernardino a Verona e il bel “Compianto sul Cristo morto” del Museo di Castelvecchio, sempre a Verona, per giungere a quella sorta di testamento spirituale che è la Pala di San Pantalon. Di tutte le opere prese in esame, Biferali approfondisce la personalità dei committenti per evidenziarne l’eventuale adesione a movimenti eterodossi e si sofferma sulla cerchia di personaggi facente capo alla chiesa di San Francesco della Vigna appartenente ai francescani osservanti. Nei diversi livelli di lettura proposti da Biferali, saldamente ancorati alla vasta bibliografia veronesiana, il libro offre gli strumenti analitici per ripercorrere in chiave storica e storico-religiosa l’avventura artistica di Paolo Caliari e arricchisce di un nuovo tassello la letteratura critica sull’argomento.

COD: Fabrizio Biferali, Artemide Edizioni, 2013, 144 p., cm. 17x24, brossura. Categoria: .