In offerta!

Ornamenti etnici per il capo. Africa, Asia, Oceania, America

60,00 30,00

L’ultimo volume della collana dedicata alla splendida collezione Ghysels ha come argomento gli ornamenti etnici per il capo.
La testa, l’elemento più prezioso del corpo umano che domina dall’alto, attrae su di sé tutti gli sguardi. A volte deformata, scarificata, tatuata, incoronata, impennacchiata, con le orecchie, le labbra e il naso perforati, è diventata, con lo scorrere del tempo, il palcoscenico per eccellenza del corpo – uno spettacolo che bisognava proteggere. La maggior parte delle etnie presta cure particolari alla capigliatura, intesa come sede della forza vitale. Che siano lunghi, intrecciati o raccolti a chignon, i capelli sono adorni di vari ornamenti.
Per incutere soggezione nei sudditi o impressionare i nemici, dall’Africa agli arcipelaghi dei mari del Sud, i capi e i guerrieri si agghindavano con splendidi piumaggi, alla stregua degli Amerindi, piumai straordinari che da secoli realizzano parure e capigliature delle fogge più varie. Nubili, spose, madri o cortigiane, le donne devono sedurre. Vivendo in simbiosi con la natura, da essa traggono, proprio come gli uomini, i materiali di cui si servono per abbellirsi. Fiori e foglie furono riprodotti in oro o argento, a volte incastonati di pietre preziose, per realizzare spille, pettini, diademi o ornamenti che dessero risalto alla bellezza femminile. Gli artigiani cinesi, complici delle donne, dedicarono il loro virtuosismo a realizzare armi di seduzione, quali sono i capolavori in miniatura di piume di martin pescatore o i gioielli in pietre semi-preziose, messe in evidenza da filigrane aracnee. I giapponesi, famosi per la loro raffinatezza estrema, crearono una straordinaria varietà di spille e pettini ornamentali.
Da tempo immemorabile, in Africa e in America, la bocca si adorna con piattelli mentre in tutto il mondo, le decorazioni del naso proteggono uomini e donne dall’intromissione degli spiriti maligni.
Queste parure, spesso spettacolari, prendono la materia prima dalla natura come i piattelli di piume dai colori cangianti, degli Urubu-Kapor, e i denti dei maiali selvatici, portati in Nuova Guinea. In India, gli anelli per il naso in oro, finemente lavorati, sono un sofisticato omaggio alla femminilità e alla sensualità della donna sposata.
Il volume presenta più di 200 illustrazioni con commento, un glossario, un indice, delle carte e una bibliografia generale.

COD: Anne Van Cutsem, Skira, 2005, 306 p., cm. 25x29, rilegato. Categorie: , .