L’immagine di Pisa nell’opera di Enrico Van Lint pioniere della fotografia

39,00

Catalogo della mostra Enrico Van Lint. Scultore fotografo in Pisa, Palazzo Lanfranchi, Lungarno Galileo Galilei, Pisa, 7 maggio – 6 giugno 2004.
Enrico Van Lint (Pisa, 1808-1884), scultore e fotografo, è spesso citato nelle storie della fotografia in Italia, nelle quali tuttavia sono riproposte soltanto poche sue immagini, soprattutto della piazza del Duomo di Pisa. Mancava fin qui una monografia completa su questo pioniere della fotografia, che ha sperimentato fra i primi in Italia la calotipia prima di passare ai procedimenti al collodio.
Il volume, fondato su una lunga e rigorosa ricerca in archivi pubblici e privati finora inesplorati, propone una inedita, ampia ed eccezionale selezione di fotografie di Pisa fra il 1850 e il 1884, che restituiscono una straordinaria immagine della città com’era, prima delle trasformazioni ottocentesche e successive, dai panorami (fra i quali quello calotipico ripreso dalla torre della Cittadella che è da considerare il primo panorama fotografico della città) ai lungarni, alle piazze, ai palazzi, alle chiese.
L’edizione comprende anche una significativa selezione di vedute di altre città toscane in cui ha operato, sia pure sporadicamente, Van Lint: i dintorni di Pisa, Pietrasanta, Firenze, Lucca, San Giuliano Terme. Non mancano immagini di eventi eccezionali, come per esempio la visita di Pio IX a Firenze, nel 1857, o l’alluvione dell’Arno nelle campagne di Pisa, nel 1855. E ancora sono da segnalare i ritratti, le riprese di fasi lunari e alcune splendide nature morte. Le immagini si segnalano per l’eccezionale valore documentario e per la mirabile qualità formale.

Presentazioni di Paolo Fontanelli, Gino Nunes, Mauro Del Corso
Con la collaborazione di Claudio Scarpellini

COD: Giovanni Fanelli, Pagliai Polistampa, 2004, 192 p., cm. 25x32, rilegato. Categorie: , .