L’Eterno e il tempo tra Michelangelo e Caravaggio

34,00

Il volume mette in scena il fascino di un secolo compreso tra un superbo tramonto – l’ultimo Rinascimento – e il nuovo orizzonte dell’età barocca. Gli anni tra il compimento del Giudizio universale di Michelangelo nella Cappella Sistina (1541) e l’affermazione a Roma di Caravaggio rappresentano uno dei periodi più avvincenti e stimolanti della storia dell’arte, in cui si snoda un percorso culturale innovativo alla ricerca di un equilibrio tra i valori eterni e quelli storici. La pittura della Maniera – rivolta a una ristretta élite in grado di compiacersi del gioco di sottili rimandi ai grandi modelli di Raffaello e di Michelangelo – viene messa in crisi dall’esigenza di piana leggibilità richiesta alle immagini dal Concilio di Trento (1545-1563), che ne ha ribadito la funzione di “libro degli illetterati”. Nella varietà delle soluzioni adottate, la ricerca avviata dagli artisti a Roma e nelle città dello Stato pontificio, tra cui spicca il caso di Bologna, produce risultati affascinanti, ma talora poco noti se non a un pubblico di specialisti. Ed è a Roma che all’inizio del Seicento, dopo le costrizioni della pittura sacra in un ambito di “arte senza tempo” (Zeri), maturano infine le novità che gettano le basi per la successiva vicenda, grazie all’incontro tra il classicismo patetico di Annibale Carracci, la vocazione pauperista di Caravaggio e il coinvolgente dinamismo di Rubens.

COD: AA.VV., Silvana Editoriale, 2018, 463 p., cm. 23x28, brossura. Categoria: .
Condividi

Informazioni aggiuntive

Peso 2.7 kg

Ti potrebbe interessare…