In offerta!

L’abbraccio di Vienna. Klimt, Schiele e i capolavori del Belvedere

35,00 17,50

Ottanta opere provenienti dal Belvedere di Vienna – uno dei più importanti musei d’arte in Europa – ripercorrono, nelle sale di Villa Olmo a Como, la genesi dell’arte del Novecento.
Una rassegna raffinata che prende avvio dal periodo Barocco, passando per la Belle Époque e per il Biedermeier, fino a giungere alla Secessione e al primo Espressionismo, che, con i capolavori dei suoi più importanti esponenti – Gustav Klimt, Egon Schiele e Oskar Kokoschka – costituisce il fulcro della mostra.
Spiccano, pertanto, le opere di Gustav Klimt (1862-1918), tra cui il Castello di Kammer sul Lago Atter, uno dei soggetti preferiti del maestro, e lo splendido, benché incompiuto, Ritratto di Johanna Staude.
Di Egon Schiele (1890-1918) si segnalano Madre con due bambini III (1915 – 1917), Il medico e fisico dr. Hugo Koller (1918), e lo splendido L’abbraccio (1917), una delle opere più famose del maestro espressionista austriaco, mentre di Oskar Kokoschka (1886-1980) sono esposti Il tigone, dipinto in uno zoo di Londra, Il ponte Dulsie sul fiume Findhorn, e altre opere più tarde, caratterizzate dall’uso di una cromia più tenue.
Il catalogo edito per l’occasione accoglie numerosi contributi critici, che approfondiscono i temi dell’esposizione: oltre a quelli dei curatori Sergio Gaddi e Franz Smola – quest’ultimo direttore del Belvedere di Vienna –, vi sono gli interventi di Katharina Schoeller, Romana Schuler, Luciano Caramel, Alberto Longatti e Roberto Borghi.
Il catalogo delle opere è completato dalle biografie degli artisti e da una bibliografia generale sull’arte austriaca dal 1750 ai giorni nostri.

 

MOMENTANEAMENTE NON DISPONIBILE

COD: Sergio Gaddi, Franz Smola, Silava Editoriale, 2008, 192 p., cm. 24x28, brossura. Categorie: , .
Condividi