Impressionisti tête à tête

30,00

Nonostante il ritratto abbia avuto un ruolo essenziale nella pittura degli impressionisti (in particolare nella produzione di Degas e Renoir) e sia stato oggetto di un’autentica ridefinizione nell’ambito della scultura, soprattutto ad opera di Rodin, il genere in sé non ha mai suscitato grande attenzione.

Come spiega Guy Cogeval, sembra quasi che gli storici dell’arte abbiano trascurato il fatto che la ritrattistica – probabilmente a causa del suo legame col modello – è stata il veicolo privilegiato di quell’avanguardia pittorica che si impose nella scena artistica a partire dagli anni sessanta dell’Ottocento. Fino all’autoritratto, che pure scandisce l’intera carriera di Cézanne, la cui ricchezza psicologica sarà riconosciuta dalla critica nell’opera degli eredi immediati dell’impressionismo come Gauguin e Van Gogh.
Realizzato in occasione dell’esposizione romana, il volume presenta oltre sessanta ritratti dipinti o scolpiti appartenenti alle collezioni del Musée d’Orsay, uno dei musei più importanti al mondo: opere capitali realizzate da artisti francesi che sono oggi tra i più noti della storia dell’arte: Édouard Manet, Pierre-Auguste Renoir, Edgar Degas, Frédéric Bazille, Camille Pissarro, Paul Cézanne, Berthe Morisot o ancora Auguste Rodin.
Attraverso i volti, gli abiti, le posture e gli accessori dei personaggi ritratti, attraverso i luoghi e le ambientazioni in cui essi sono inseriti Impressionisti. Tête-à-tête offre la possibilità di ricostruire l’ambiente culturale, i contesti sociali e gli stimoli artistici in cui operarono gli artisti impressionisti; e, soprattutto, e di cogliere quella “rivoluzione dello sguardo” e quel rinnovamento stilistico di cui il movimento impressionista fu portavoce.
Introdotto dai saggi di Xavier Rey (Com’è fatto un ritratto impressionista?), Ophélie Ferlier (Essere e apparire: sculture-ritratto moderne del Musée d’Orsay) e Francesca Villanti (Riflessioni su genesi e caratteri del movimento impressionista), il volume presenta il catalogo delle opere in mostra, suddiviso in cinque sezioni: Un nuovo ritratto d’artista; L’intimità; Ritrarre l’infanzia; Mondanità; Modernità.

COD: Xavier Rey, Skira, 2015, 128 p., cm. 22x28, brossura. Categoria: .