Il tesoro di San Lorenzo

30,00

Dal dicembre 2007 è aperta al pubblico l’esposizione permanente del Tesoro di San Lorenzo, restaurato e raccolto nell’antica sede della Compagnia del Santissimo Sacramento. Posto in perfetta corrispondenza con la Sacrestia Vecchia, l’ambiente è parte del dedalo di sotterranei sul quale sorge la basilica costruita nel Quattrocento da Filippo Brunelleschi, gli stessi sotterranei che ospitano le spoglie di Donatello e di Cosimo il Vecchio.
Un’ampia introduzione storica fa da sfondo al catalogo delle opere, giunte in San Lorenzo alla fine del XVIII secolo, quando ebbe inizio la frammentazione – e parziale dispersione – della suppellettile originaria della chiesa medicea. Fra gli arredi più preziosi, un reliquiario di Cosimo Merlini il Vecchio su disegno di Giulio Parigi e due Crocifissi: uno di Michelozzo, l’altro frutto della collaborazione tra due grandi figure della corte granducale, l’orafo Bernardo Holzmann e lo scultore Giovan Battista Foggini.

COD: Elisabetta Nardinocchi, Ludovica Sebregondi, Mandragora, 2007, 160 p., cm. 24,5x29, brossura. Categorie: , .