In offerta!

Il Rinascimento

22,00 11,00

“È in Italia, nel Quattrocento, che risiede principalmente l’interesse della Rinascenza – in quel solenne Quattrocento, che non si studierà mai abbastanza non solo pei suoi resultati positivi nel campo dell’intelletto e della fantasia, le sue concrete opere d’arte, le sue tipiche figure eminenti, col loro profondo fascino estetico, ma pel suo spirito e pel suo carattere in genere, per le qualità etiche di cui esso offre un modello perfetto. Le varie forme d’attività intellettuale che insieme costituiscono la cultura di un’età, muovono per la maggior parte da punti di partenza differenti, e seguono cammini distinti. Come prodotti d’una medesima generazione esse invero partecipano d’un carattere comune, e inconsciamente s’illustrano a vicenda; ma quanto agli artefici stessi, ogni lor gruppo è solitario, e consegue quei vantaggi o subisce quegli svantaggi che possono esserci nell’isolamento intellettuale. Il Quattrocento in Italia è una di queste epoche felici, e quel che talora si dice dell’età di Pericle è vero per quella di Lorenzo il Magnifico: è un’epoca fertile di personalità, multilaterale, accentrata, completa. Qui artisti e filosofi e coloro che l’azione del mondo ha elevato e reso acuti, non vivono nell’isolamento, ma respirano un’aria comune, e ricevono luce e calore gli uni dai pensieri degli altri. L’unità di questo spirito conferisce unità a tutti i vari prodotti della Rinascenza”.

COD: Walter Pater, Abscondita, 2013, 237 p., brossura. Categorie: , .
Condividi