Il fascino e il mito dell’Italia dal Cinquecento al Contemporaneo

35,00

Per almeno tre secoli, dall’inizio del Seicento a tutto l’Ottocento, l’Italia è stata la meta privilegiata degli aristocratici e degli uomini di cultura di tutta Europa e nel XIX secolo anche del Nuovo Mondo, in quanto il viaggio in Italia (il Grand Tour) costituiva una tappa ineludibile del processo di formazione delle classi dirigenti europee, che scendevano nelle nostre magnifiche città d’arte e percorrevano le nostre coste in cerca della bellezza e delle radici della cultura fondativa dell’Occidente. Ad attirarli erano non solo i monumenti e le opere d’arte, ma anche un’affascinante miscela di attrattive naturalistiche, culturali e di bien vivre che fecero del nostro paese un potente polo d’attrazione, creando il mito dell’Italia. Attraverso una selezione di opere esemplari, questo volume è dedicato alla percezione dell’Italia e dell’arte italiana da parte degli artisti stranieri, affascinati dal nostro paese e dalla nostra cultura, non solo figurativa, tra il XVI e il XX secolo.

COD: Skira, 2015, 300 p., cm. 24x28, brossura. Categoria: .