In offerta!

Frammenti sull’arte

20,00 10,00

Edvard Munch (1863-1944) è stato troppo spesso consegnato al mito di “artista dell’angoscia”, di “artista dell’urlo”, sempre sul ciglio dell’abisso, tra continui lutti familiari, tumultuose relazioni sentimentali, alcolismo e ossessioni demoniache. Tutto questo ha rischiato di mettere in ombra le infinite pieghe del suo stile pittorico, che ha aperto la strada non solo all’espressionismo, di cui Munch è cruciale iniziatore, ma a tutta l’arte contemporanea. La sua creatività complessa quanto lineare, istintiva quanto raffinata non è ovviamente soltanto lo specchio autobiografico di un esistenza divenuta emblema: è il frutto di un incessante, tormentoso tentativo di trasformare le proprie esperienze personali in intuizioni figurative di valore universale. Di questa straordinaria tensione è testimone, e fonte primaria, un vasto e tumultuoso corpus di scritti. Lettere, minute, appunti diaristici, opere narrative sono infatti la fucina in cui riversava le sue molteplici e feconde intuizioni, per decantarle e da lì far nascere le sue opere pittoriche.

COD: Edward Munch, Abscondita, 2007, 130 p., brossura. Categorie: , .