In offerta!

Berggasse 19. Lo studio e la casa di Sigmund Freud. Vienna 1938

28,00 14,00

“Ancora ricordo come fossi emozionato e timoroso in quell’umido mattino di maggio del 1938, mentre camminavo per le strade deserte verso d numero 19 della Berggasse. Reggevo una valigetta con macchine fotografiche, treppiedi, obiettivi e pellicole, e mi sembrava che a ogni passo divenisse sempre più pesante. Avevo la sensazione che a chiunque sarebbe bastata un’occhiata per capire che mi stavo recando dal professor Sigmund Freud per svolgere un compito che i nazionalsocialisti non avrebbero gradito. Aveva appena finito di piovere. Il cielo era ancora cupo e il lastricato della Berggasse luccicava per la pioggia caduta. Quell’oscurità mi preoccupava. Temevo che non ci sarebbe stata luce sufficiente per scattare buone fotografie all’interno dell’abitazione. Flash e riflettori erano fuori questione. Mi avevano avvertito che la casa era costantemente sorvegliata dalla Gestapo. L’unica documentazione del luogo in cui Freud aveva vissuto e lavorato negli ultimi quarant’anni avrebbe dovuto essere raccolta senza destare il minimo sospetto. Temevo per la mia incolumità e per quella di Freud e della sua famiglia. Non volevo nel modo più assoluto che una mia imprudenza li mettesse in pericolo proprio ora che erano in procinto di lasciare Vienna verso la salvezza.” (Dall’introduzione di Edmund Engelman)

COD: Edmund Engelman, Abscondita, 2010, 124 p., cm. 20x28,5, brossura. Categorie: , .
Condividi